Luigi Di Maio, sequestrato un terreno dell’azienda di famiglia: il sospetto della polizia

La polizia municipale di Mariglianella, in provincia di Napoli, ha messo sotto “sequestro parziale” un terreno di proprietà al 50% del padre di Luigi Di Maio. Su quel pezzo di terra sorge l’azienda di famiglia del vicepremier grillino, della quale il padre Antonio era titolare, prima di lasciare le quote societarie ai figli.

Il comandante dei vigili, Andrea Mandanici, ha spiegato all’Agi: “Abbiamo sequestrato delle aree per la presenza di rifiuti inerti e abbiamo preso le misure sugli immobili presenti per le verifiche dell’ufficio tenico”. Il sequestro è arrivato dopo un sopralluogo effettuato dagli agenti proprio questa mattina, dopo che da giorni inchieste e articoli riportano di presunti abusi edilizi legati alla famiglia di Di Maio.

Condividi: