“Di Maio non può ricardidarsi, chi del M5s è pronto a farlo”: retroscena bomba del Big piddino, cambia tutto

David Parenzo, il “comunistissimo” conduttore della Zanzara insieme con Giuseppe Cruciani, scrive su Twitter un gustoso retroscena sull’attuale stallo politico. “Di Maio chiede di andare al voto”, si legge sul suo profilo, “lui però non potrà più candidarsi per il vincolo due mandati. Mi sa che Di Battista ha fatto bene a non fare mai le valige per il Sud America”.

Parenzo chiede poi: “Movimento 5 Stelle, tutto pronto per nuove parlamentarie? Casaleggio scalda il server”. Uno scenario politico suggestivo…

Se da un lato Di Maio non può ricandidarsi per quella benedetta regola interna del M5s, dall’altro è ufficialmente impossibile votare a giugno.Il 24 aprile si dovrebbe essere chiusa definitivamente l’ultima finestra di voto dell’estate la cui ultima data utile è quella di domenica 24 giugno. Di eventuali elezioni se ne può riparlare, dunque, solo dopo le vacanze. La prima data utile potrebbe essere quella del 23 settembre: prima non si può perché, altrimenti, le liste dei partiti andrebbero presentate intorno a Ferragosto.

Se il calendario individuato dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella sarà quello del 23 settembre, lo scioglimento delle Camere potrebbe avvenire anche a luglio inoltrato: vale a dire tra oltre nove settimane nel corso delle quali il capo dello Stato ha il dovere comunque di tentare di trovare una soluzione per la formazione di un governo capace di ottenere la maggioranza in Parlamento.

Condividi: