Silvio Berlusconi, golpe 2011: “Giorgio Napolitano aveva promesso a Fini di farlo premier”

Nuove “perle” dal golpe 2011, quelle oscure trame che hanno portato alla caduta del governo di Silvio Berlusconi. È stato proprio il Cavaliere, intervistato a Italia 18, trasmissione di Sky Tg24 sulle elezioni, a ricordare la fuoriuscita di diversi parlamentari da Forza Italia all’epoca dello scontro con Gianfranco Fini.

L’allora presidente della Camera e leader del neonato gruppo Futuro e Libertà, spiega l’ex premier, “aveva avuto la promessa di diventare presidente del Consiglio su input dell’allora Capo dello Stato”, cioè Giorgio Napolitano. La manina del presidente emerito (e l’accordo successivo con Mario Monti per portarlo a Palazzo Chigi) è cosa nota, su cui hanno scritto e parlato in tanti, da Renato Brunetta ad Amedeo Laboccetta. Quanto accadde nell’autunno 2011, sottolinea a Sky Tg24 Berlusconi, è stata una “manovra antidemocratica e violenta”.

Condividi: