Immigrati, il sondaggio: tre credenti cattolici su quattro stanno con Salvini

 

By Pietro Senaldi 

Famiglia Cristiana fa le pentole ma non i coperchi. Un mesetto fa il settimanale cattolico, che un tempo si trovava in Chiesa e oggi avrebbe collocazione più consona sulla bancarella di un centro sociale, attaccava il ministro dell’ Interno dedicandogli la copertina «Vade retro, Salvini», novello Satana. La scomunica è dovuta alla posizione del vicepremier contro l’ immigrazione incontrollata e l’ accoglienza indiscriminata, giudicata in contraddizione con i principi del Vangelo.

Libero, attraverso una ricerca del centro studi AnalisiPolitica, fondato e diretto dal demoscopo Arnaldo Ferrari Nasi, è andato a vedere cosa pensa dell’ immigrazione e di come il governo sta affrontando l’ emergenza chi si professa credente. I risultati non ammettono appelli. Per l’ 85% dei credenti sondati «la questione degli sbarchi dei clandestini va risolta con urgenza e fermezza» e il convincimento è tanto più forte quanto più è alto il livello di religiosità dichiarato. Stesso esito alla domanda «se in ogni caso, nei confronti dell’ immigrazione lo Stato italiano dovrebbe comportarsi in modo più severo rispetto a ora»: il 77% dei ferventi cattolici e il 74% dei più tiepidi condividono l’ affermazione. Il che significa che la parte di Chiesa che parla d’ accoglienza sempre e comunque predica nel deserto.

La scollatura tra credenti e gerarchie ecclesiastiche è in materia di immigrati ben più profonda di quanto non lo sia sui temi etici. Qualche esempio: il 38% di chi si definisce «fortemente credente» vorrebbe la reintroduzione del divieto di aborto malgrado esso sia legale da quarant’ anni, mentre il 65% si oppone all’ adozione da parte di coppie omosessuali e uno su tre è contrario all’ eutanasia.

Percentuali che rivelano quanto i principi dell’ inviolabilità e dell’ indisponibilità della vita e la difesa della famiglia tradizionale in questo momento siano avvertiti dai cattolici come meno prioritari rispetto all’ esigenza di fronteggiare l’ emergenza clandestini, che compatta i credenti più delle battaglie storiche della Chiesa. Effetto di questo è lo spostamento dell’ elettorato religioso verso il centrodestra e la Lega in particolare.

Se cinque anni fa i fedeli si dividevano equamente tra centrosinistra (50%) e centrodestra (50%) oggi il rapporto è 39% a 61%, con il partito di Salvini che fa la parte del leone, raccogliendo il 31% delle intenzioni di voto cattoliche, che cinque anni fa non superavano il 4%. Crollati invece il Pd, dal 29 al 19%, e Forza Italia, dal 33 all’ 11%, mentre M5S è in salita, dal 20% del 2013 al 26 attuale.

Quello che stupisce non sono i dati riportati ma la reazione delle forze in campo rispetto al fenomeno Salvini-immigrazione: nessuno capisce quello che sta accadendo e tutti si crogiolano nei propri errori. Dal 20 agosto la nave Diciotti della Guardia Costiera è ormeggiata al porto di Catania con il suo carico di 150 clandestini e passa salvati nelle acque territoriali maltesi e portati nelle nostre. Lo spettacolo non è edificante e il ministro dell’ Interno viene accusato dai rivali politici di far fare una brutta figura al Paese. C’ è addirittura chi, come Saviano, vorrebbe incriminarlo per sequestro di persona e la magistratura ha già aperto un’ inchiesta sulla vicenda. Salvini sembra essere il solo consapevole che in realtà ogni ora che gli immigrati passano in più sulla nave, il suo consenso sale. Agli occhi della gente il ministro dimostra di saper tenere il punto e la Diciotti al molo carica di immigrati è assurta a simbolo delle colpe e dell’ egoismo e delle ambiguità dell’ Europa.

Sinistra e FI al palo – Questo però non lo capisce la sinistra, che, con il segretario del Pd Martina in testa, fa la fila al molo per testimoniare solidarietà ai clandestini, evidentemente non paga di aver perso le elezioni anche a causa loro e di essere precipitata nei sondaggi perché incapace di cambiare linea. Ma non lo capisce neppure Forza Italia, che anziché con la Francia e la Germania, che predicano accoglienza ma poi ci lasciano soli, se la prende con Austria e Ungheria, che hanno detto chiaramente di non volere immigrati, solo perché sono Paesi vicini a Salvini. Con questa polemica gli azzurri, per attaccare l’ alleato leghista, vanno contro le opinioni del proprio elettorato, totalmente avverso all’ immigrazione incontrollata e con la testa e il cuore più vicini a Vienna che a Parigi.

Europa sorda – Ancora più grottesca è la magistratura, che non persegue i clandestini e rilascia i criminali extracomunitari e gli scafisti appena presi ma minaccia di incriminare il ministro dell’ Interno perché vuol fare rispettare la legge. Per arrivare all’ Unione Europea, che a fine giugno ha firmato un accordo per la redistribuzione dei migranti ma lo ha poi sistematicamente violato, ospitandone una minima parte, e oggi non intende accogliere neppure quest’ ultimo carico di disperati.

Salvini lascia la Diciotti strabordante di disperati in mare e fa appello alla Ue per salvarli, ma da Bruxelles non arrivano risposte umanitarie bensì solo strali contro i sovranisti, richieste di aumentare le tasse e minacce economiche. Infine la Chiesa, devastata dall’ immigrazione almeno quanto la sinistra. Sballottata tra lo slancio dell’ accoglienza, l’ incapacità di gestirla e l’ amara constatazione dei problemi insormontabili dell’ integrazione, una parte cospicua del clero pare non accorgersi del fastidio che sempre più credenti provano quando i prelati, incapaci di dare risposte concrete all’ emergenza, la buttano in politica, con dichiarazioni che talvolta non si distinguono da quelle della Boldrini o di Fratoianni.

Condividi: